QUANDO IL CUORE NON BASTA

Purtroppo non sempre è sufficiente metterci passione e cuore nelle cose per vederle realizzarsi. Questo è l’insegnamento tratto dalla UISP’80 Pallamano Putignano nella 3° giornata del girone C del campionato di A2, in cui i rossoblù hanno dovuto cedere i due punti all’Alcamo. Il 21-18 con cui si è concluso il match è la prova lampante di quanto le due difese siano state molto efficaci sugli attacchi e, soprattutto per il Putignano, quanto i portieri siano stati determinanti. I due estremi difensori hanno infatti parato la metà esatta dei tiri rivolti verso la loro porta, con Ignazzi che stacca leggermente Nebbia nelle percentuali (rispettivamente 52 e 47%). Oltre all’egregio lavoro dei portieri va sottolineato anche il pregevole lavoro compiuto dalla difesa rossoblù, brava a limitare le bocche da fuoco siciliane, asfissiandole con una marcatura costante e impedendo loro di tirare liberamente. E in tutto ciò c’è da considerare anche l’evidente divario di centimetri e kilogrammi in favore dei trapanesi. Il gran dispendio fisico profuso in difesa ha certamente presentato poi il conto in attacco, in particolar modo negli ultimi minuti del match, quando Laterza e compagni hanno faticato a trovare spazi tra le maglie celesti dei padroni di casa, commettendo qualche errore di troppo che ha fatto svanire l’opportunità di conquistare i primi punti stagionali.

Mister Perrini decide di confermare il settetto di partenza della partita con il CUS Palermo, con l’eccezione dell’inserimento, solo in attacco, di Mirizzi a pivot al posto di Laera. Il match sin da subito si dimostra avaro di reti (la prima marcatura arriva dopo ben 3 minuti dall’inizio a firma di Losavio) sia per l’attenzione e il vigore messo in campo da entrambe le difese, che per il ritmo partita certamente non indiavolato. Parecchie volte i direttori di gara sono stati costretti a segnalare una situazione di “passivo” dovuta alla difficolta dei due team ad arrivare al tiro. Il match scorre comunque godibilmente sui binari dell’equilibrio. Entrambe le squadre non riescono a trovare il break decisivo in grado di indirizzare, anche temporaneamente, la partita. Così il primo tempo si conclude sul 11-10 per i padroni di casa. Nella ripresa lo spartito non cambia. Nel Putignano sale soprattutto in cattedra uno strepitoso Ignazzi, che ha rilevato nella seconda frazione di gioco un ottimo ed ispirato Nebbia. Il portiere originario di Noci per 9 minuti risulta praticamente insuperabile e grazie alle sue prodezze la UISP’80 passa dal 14-12 al 14-15 nonostante nel mezzo ci fosse stata anche l’espulsione di Mirizzi. La partita continua a restare in totale equilibrio fino a 5 minuti dal termine quando Saitta e Vaccaro con due micidiali ripartenze riescono ad incanalare la gara su strade a loro favorevoli. L’incontro termina così 21-18 con l’Alcamo che festeggia i due punti che la pongono nel gruppo delle dirette inseguitrici della capolista CUS Palermo, mentre la UISP’80 rimane ancorata all’ultimo posto.

Guardando la prestazione messa in campo da Laterza e compagni, non si può notare come i passi in avanti realizzati dalla squadra in questi primi tre turni siano tangibili e non si può tralasciare anche la personalità dei giovani Tinelli e Mele che hanno dato buone risposte a mister Perrini quando sono stati chiamati in causa. Ora ad attendere la UISP’80 c’è un’ottima squadra come il Lions Teramo di mister Fonti che è anch’essa una delle dirette inseguitrici del CUS Palermo. Il Teramo anche quest’anno sembra mantenere il suo status di squadra molto quadrata ed efficace. Al momento gli abruzzesi, secondi in classifica, possono vantare la miglior difesa, ma anche il secondo peggior attacco. Per il Putignano ci sarà una nuova occasione di smuovere la sua classifica grazie anche al calore che la palestra della “Stefano da Putignano” può dare.

Th Alcamo vs UISP’80 pallamano Putignano: 21-18 (11-10 PT)
Alcamo: Deodato, Di Gaetano, Fagone 5, Giacalone, Giorlando, Gottuso 1, Governale, Grizzo, Lipari, Orlando, Randes 6, Saitta 1, Saullo 1, Vaccaro 7; All. Randes.
Putignano: Carone 1, Fanizza 3, Gensano, Ignazzi, Laera 1, Laterza 4, Losavio 4, Mele, Mirizzi 1, Nebbia, Santoro 5, Tinelli; All. Perrini;
Arbitri: Alborino – Farinaceo;

Classifica: CUS Palermo 6; Alcamo, Teramo, Siracusa 4; Noci, Mascalucia, Benevento 2; Putignano 0;

Altre partite della settimana:
Noci – CUS Palermo: 31-36;
Teramo -Mascalucia: 24-19;
Benevento – Siracusa: 22-33;

Ufficio stampa UISP’80 Pallamano Putignano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *