ALL’ULTIMO SECONDO

Sabato 16 novembre è andata in scena la quinta giornata del girne C del campionato di serie A2 maschile e con essa è arrivata la quinta sconfitta per la UISP’80 Pallamano Putignano. 23-22 il risultato finale per il Benevento che ha realizzato l’ultimo gol su rigore a 10 secondi dalla fine vanificando sul più bello le speranze di vittoria degli ospiti. La partita contro i sanniti ha seguito la piega solita che sta caratterizzando quest’inizio di stagione della UISP’80: partita equilibrata per buona parte del tempo e poi la stangata finale. Stangata che in questo caso è minima nello scarto, 1 gol, e limitata nel tempo, arrivata a 10 secondi dalla fine, ma forse più dolorosa delle altre. Laterza e compagni avrebbero meritato di tornare a casa con almeno un punticino in tasca per quanto espresso sul campo. Come al solito molto attenti in difesa e bravi a sfruttare i tiri a tu per tu con il portiere soprattutto dall’ala sinistra e in penetrazione dei terzini, i ragazzi di mister Perrini stanno crescendo giornata dopo giornata e la sconfitta al fotofinish dove essere ancora più da sprono per continuare a lavorare e a migliorarsi. Buona anche la giornata dei portieri con Ignazzi che ha sfruttato al meglio la conoscenza degli avversari in quanto ex della sfida e Nebbia che è determinante nella parata su Sangiuolo a 15 secondi dal termine, ma che nulla può sul rigore finale di Galliano.

Privo degli infortunati Laera e Pugliese e di Adone, Mastrangelo e Sivo bloccati dal lavoro, mister Perrini conferma il settetto iniziale delle ultime due partite con l’eccezione di Ignazzi in porta al posto di Nebbia. La partenza sorride ai sanniti che partono meglio portandosi sul 3-1 con Galliano e Castiello, sfruttando al meglio l’esclusione temporanea di Laterza. Il Putignano è però conscio dell’importanza della gara e strappa un preziosissimo contro-break con Santoro e Losavio che portano i rossoblù sul 3-4 dopo 10 minuti di gioco. La gara si fa interessante ed equilibrata con i portieri più volte determinanti da ambo i lati. Alla fine della prima frazione di gioco sono i giallorossi a cercare l’allungo, ma i putignanesi sono bravi a rintuzzare l’offensiva con Mirizzi e Losavio e a chiudere il primo tempo sul 11-10. Una piccola curiosità statistica ci dice che nelle ultime 3 partite il Putignano è andato al riposo con 11 gol subiti, che sono un’ottima media e sono un importante indice di costanza di rendimento difensivo. Nella ripresa l’equilibrio globale non viene spezzato sebbene si assiste ad un andamento a folate del match. L’alternanza di momenti favorevoli alle due squadre, di durata limitata a pochi minuti ciascuno, fa sì che il massimo vantaggio registrato sia di 2 marcature. Per il Benevento è Formato con i suoi tiri da fuori i 9 metri a trascinare la sua squadra dal -2 al +1 a metà del secondo tempo. Il Putignano si affida soprattutto alle bordate da lontano di Losavio e alla tecnica delle sue ali Laterza e Fanizza per cercare i 2 punti tanto bramati. L’espulsione per somma di due minuti di capitan Laterza a 6 minuti dal termine ha l’effetto di caricare ancora di più la squadra che grazie a tre magnifici gol di Fanizza si porta sul 22-22 a 40 secondi dalla sirena. Mister Boglic chiama time-out per l’ultima fondamentale giocata che la difesa rossoblù riesce a limitare e infatti Sangiuolo non riesce a tirare liberamente, ma è ostacolato dalla difesa che aiuta Nebbia nella parata. Purtroppo la palla rotola fuori dall’area di porta e i giallorossi sono i più lesti a riprenderla. Nel tentativo di contrastare l’ala Mele, purtroppo, commette un fallo che gli arbitri giudicato da rigore e da espulsione temporanea per il numero 39. Nonostante la pressione sulle sue spalle, Galliano non ha paura di sbagliare il tiro di rigore e di fatto lo sagna condannando la UISP’80 ad un’altra dolorosa sconfitta.

Con questa sconfitta il Putignano vede allontanarsi il penultimo posto che ora dista 4 punti vista la contemporanea vittoria di Benevento e Noci. E all’orizzonte per i putignanesi c’è un match sulla carta proibitivo con l’Albatro Siracusa, una delle squadre più attrezzate del girone ed attuale capolista in coabitazione con Teramo e Palermo. Mister Vinci può contare su una vera corazzata che è la grande favorita del girone. L’attacco siciliano sforna in media quasi 30 gol a partita e la difesa risulta essere ugualmente poderosa. La UISP’80 dovrà compiere una grande prestazione, ma la storia insegna che a volte Davide può vincere contro Golia. Laterza e compagni avranno bisogno di tutto il sostegno e il calore della “Stefano da Putignano” per compiere il miracolo. L’appuntamento è per sabato 23 novembre alle ore 19.00 e in contemporanea in diretta sulla nostra pagina Facebook.

Centro Revisione Lombardi ASD Benevento vs UISP’80 Pallamano Putignano: 23-22 (11-10 PT)
Benevento: Calandrelli, Castiello 1, Chiumento 1, De Luca 3, De Stasio, Formato 6, Fragnito 1, Galliano 10, Iannotti 1, La Peccerella, Mercurio, Orlando, Moccia, Rossi, Sangiuolo, Vasca; All. Boglic;
Putignano: Nebbia, Ignazzi, Carone 2, De Miccolis, Fanizza 5, Gensano, Laterza 2, Losavio 6, Mele, Mirizzi 4, Santoro 3, Tinelli; All. Perrini;
Arbitri: Cardaci – Tilaro;

Classifica: Siracusa, Palermo, Teramo 8; Alcamo, Benevento, Mascalucia, Noci, Benevento 4; Putignano 0;

Altre partite della settimana:
Teramo – CUS Palermo: 25-21;
Siracusa – Mascalucia: 27-21
Alcamo – Noci: 31-37;

Ufficio stampa UISP’80 Pallamano Putignano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *